Powerline: cablare la casa usando le prese elettriche

Molto spesso la prima cosa a cui si pensa per ovviare ad una cablatura tradizionale tramite cavo di rete, è il WiFi, ma sempre più utenti stanno utilizzando l’alternativa dell’energia elettrica (Powerline) .

Usando le prese elettriche presenti in casa, evitando cosi di fare scassi dentro casa, oppure passare il cavo nelle canaline super-affollate.

 

Powerline – Caratteristiche

I punti sicuramente a favore di una tecnologia Powerline rispetto al WiFi, sono la sicurezza e la qualità del segnale, essendo uno via cavo e l’altro via aria.

Molto spesso infatti accade che un singolo router ,oppure access point ,non riesca a cablare in modo ottimale tutta la superficie dell’appartamento.

Questo offre così una navigazione lenta all’utente in certe zone, ed assente in altre.

La tecnologia usata e’ quella delle onde convogliate (in inglese PLC, Power Line Communication) , che e’ una tecnica di trasmissione di segnali su linee elettriche.

Si realizza sovrapponendo al trasporto di corrente elettrica, continua o alternata a bassa frequenza (50Hz in Italia) , un segnale a frequenza più elevata che è modulata dall’informazione da trasmettere.

Quando nacquero i primi Powerline, il problema principale era la velocita’, che non superava i 10 Mbps.

Gli attuali Powerline invece, riescono a raggiungere velocita’ fino a 1000 Mbps!

Se si ha esigenza di avere anche un Access Point WiFi , esitono dei Powerline che integrano anche un ripetore wifi su uno dei due dispositivi.
Ecco due ottimi prodotti della TP-Link (500 Mbps) in offerta su Amazon.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »